Come nasce il progetto?


La presenza, sempre più marcata, di egoismi e superficialità, oltre a denotare un minor senso civico del singolo individuo, ha un riflesso diretto nella spesa Rca che tende ad aumentare proprio a causa dell’aumento dei sinistri stradali.

Per questo, Sicurvia punta sulla prevenzione e anche sul consumo critico perché risparmiare è possibile così come conservare la propria integrità fisica.

Una particolare attenzione alle fasce giovanili e a quelle over 60, fasce che sono più soggette a sinistri.
Il progetto punta a formare il cittadino, sulla sicurezza stradale e sulla Rca, per consentire una scelta consapevole!

Ultimi articoli

La crisi pandemica e le ripercussioni sugli incidenti stradali

Nel contesto della crisi sanitaria ed economica esplosa nel 2020, la mobilità e l’incidentalità stradale[…]

Gli errori più comuni che un conducente fa alla guida

1 – Uso del cellulare mentre si guida. Tra le cose in assoluto da evitare,[…]

Oltre 50.000 incidenti stradali nel 2020

Sono stati 51.103 gli incidenti stradali nel 2020. Di questi 1.079 hanno avuto un esito mortale. Da[…]

Strage di ciclisti sulle strade italiane.

Dall’1 al 31 gennaio a perdere la vita sulle strade italiane sono stati 14 ciclisti,[…]

Slide del Webinar del 12 Maggio

Le truffe nella RCA un danno alla collettività

Dott. Massimo Treffiletti – Metakol

Scarica le slide

Legge obbligatoria
RC Auto

La responsabilità civile è una delle responsabilità giuridiche, si tratta dell’insieme di leggi che regolano gli obblighi di un individuo che deve rispondere della lesione dell’interesse di un altro soggetto.
L’interesse leso può riguardare la proprietà di una persona, la sua salute fisica o anche il suo onore.
La legge italiana definisce questo tipo di responsabilità nell’articolo 2054 del Codice Civile. È però solo nel 1969 con la legge 990 che la responsabilità civile viene applicata agli autoveicoli: viene infatti così stabilito che quando si guida un veicolo a motore ci si assume la responsabilità per tutti i danni che si possono causare durante questa attività…

Leggi di più

Rispondiamo alle tue domande

Scrivici su nondipendo@konsumer.it

F.A.Q.

Posso verificare che ci sia effettivamente copertura assicurativa sul mio veicolo ?

Si. Successivamente alla sottoscrizione del contratto di RCA e al pagamento del relativo premio assicurativo, accedendo ai servizi online del sito www.ilportaledellautomobilista.it potrai verificare se è presente una copertura assicurativa sul tuo veicolo, specificando il tipo di veicolo e digitando il numero di targa.

Come posso fare per riconoscere un sito web falso ed evitare una frode assicurativa?

Durante la navigazione controlla che il sito abbia la certificazione “https” ( puoi trovarla nella barra degli indirizzi in alto alla pagina). Verifica se all’interno del sito è presente un area riservata utile ad ottenere tutti i documenti necessari per la circolazione. Verifica che il preventivo della polizza RCA si corredato di fascicolo informativo e condizioni di assicurazione e che l’impresa di assicurazione che stai scegliendo sia presente nell’albo delle imprese di assicurazioni tenuto da IVASS.

Cosa rischio a seguito della stipula di una falsa assicurazione di RCA?

Il rischio principale è quello di circolare con un veicolo senza una copertura RCA valida e quindi di dover rispondere con il proprio patrimonio in caso di danni a cose di terzi o persone, è poi possibile incorrere in una sanzione che va da € 841,00 a € 3.366,00 , sequestro del veicolo e persino ritiro della patente, oltre che perdere i soldi del falso premio corrisposto.

Ho scoperto di aver acquistato una polizza falsa e quindi di non avere copertura assicurativa sul mio veicolo. Cosa devo fare?

La prima cosa da fare è fermare il veicolo, ed acquistare una copertura assicurativa reale per poter circolare liberamente ed evitare la confisca del mezzo e le sanzioni.
In seguito alla frode assicurativa la tempestività della querela è fondamentale, quindi bisogna subito sporgere denuncia alle autorità per consentire il perseguimento dei responsabili della truffa.

Sono assicurato con Rc familiare ed ho avuto un sinistro con responsabilità principale la classe Bonus/malus aumenterà per tutti i mezzi di proprietà del mio nucleo familiare?

No. Aumenterà solo la classe del veicolo che ha causato il sinistro .
E’ importante precisare che qualora il veicolo collocato nella classe di merito più favorevole (nel caso sia un veicolo di diversa tipologia) abbia causato un sinistro, comportando il pagamento di un indennizzo complessivamente superiore ad €5.000,00, l’impresa assicurativa alla scadenza del contratto potrà applicare una classe superiore fino a 5 unità rispetto ai criteri indicati dall’Ivass.

E’ possibile evitare l’aumento della classe bonus/ malus a seguito di un sinistro con responsabilità principale?

E’ possibile, in caso di incidenti a due veicoli accedere alla procedura di risarcimento del sinistro una volta che quest’ultimo sarà stato liquidato e contabilizzato ( almeno 30 giorni per i cai a firma congiunta 60 per quelli a firma singola). Per accedere alla procedura online consultate il sito www.consap.it .Sarà necessario indicare le targhe dei due veicoli coinvolti, le rispettive compagnie di assicurazioni e il giorno dell’accadimento. Consap provvederà a comunicare , via mail o posta ordinaria, a seconda della vostra scelta, l’importo liquidato alla controparte, nonché le informazioni necessarie per effettuare il pagamento qualora lo riteniate vantaggioso.

Il contraente di una polizza rc auto può essere persona diversa dal proprietario?

Sì. L’assicurazione prevede la possibilità di stipulare il contratto per conto del proprietario, che dovrà essere indicato sulla polizza rca come assicurato e quindi beneficiario delle prestazioni assicurative nonché titolare della classe di merito. Il contraente sarà tenuto al pagamento dei dei premi assicurativi ed a comunicare alla compagnia le informazioni relative al rischio da assicurare.

Che cos’è l’RC familiare?
Quando è possibile usufruirne?

E’ la possibilità di beneficiare della classe di merito più vantaggiosa del tuo nucleo familiare in caso di acquisto di un nuovo veicolo ma anche a rinnovo della polizza già in essere.
E’ possibile usufruirne anche quando il veicolo da assicurare e il veicolo dal quale si intende recuperare la classe sono di tipologia diversa(es. tra auto e moto) a condizione che il proprietario del veicolo da assicurare sia lo stesso o un componente del suo nucleo familiare , che entrambi i mezzi siano intestati a persone fisiche e immatricolati ad uso privato, che l’attestato di rischio del veicolo da assicurare risulti senza sinistri paritari o principali negli ultimi 5 anni e che il veicolo dal quale si utilizza la classe CU sia assicurato con una polizza in vigore.

Se in un incidente stradale il conducente del veicolo responsabile riporta lesione fisiche è coperto della polizza rc auto?

No. Sono coperte tutte le persone coinvolte ad eccezione del conducente totalmente responsabile del sinistro. E’ possibile, tuttavia , implementare questa copertura acquistando con maggiorazione di premio,la garanzia opzionale infortuni del conducente presente in tutti i prodotti RCA .

E’ possibile sospendere la polizza rca ?

Esiste la possibilità di sospendere il contratto di assicurazione rca per un periodo massimo di 12 mesi (alcune compagnie hanno esteso il periodo di sospensione a 18 e a 24 mesi) a condizione che il veicolo sia custodito in luogo privato e manchino almeno 30 giorni alla scadenza sia annuale che semestrale, tuttavia , sono le singole imprese di assicurazione a scegliere autonomamente i tempi , i costi e i modi di sospensione con la possibilità di non prevederlo affatto. Bisognerà quindi valutare il caso specifico e verificare sulle condizioni di assicurazione.

Quali sono i principali fattori che influiscono sul calcolo del premio della polizza rca?

Sono tanti i fattori che concorrono a creare il premio assicurativo, ed ogni compagnia pur prendendo sempre gli stessi a riferimento può modulare gli indici di calcolo da applicare ad ogni informazione in base al profilo di rischio che preferisce assumere.
Ad ogni modo i principali parametri che contribuiscono a formare il premio sono:
– La data di nascita e il luogo di residenza del proprietario,questo perché le statistiche hanno portato in evidenza una maggiore incidenza dei sinistri in relazione ad alcune fasce di età rispetto ad altre ( in genere dai 18 ai 23 anni e dagli 80 anni in su) allo stesso modo, per i comuni nei quali avvengono statisticamente più incidenti rispetto ad altri in cui ne avvengono di meno.
–  Per quanto riguarda il veicolo , la potenza(KW) , il tipo d’uso, l’alimentazione, i dispositivi di sicurezza e l’anno di immatricolazione, poiché un veicolo di nuova generazione presenta maggiori presidi di sicurezza rispetto ad uno vecchio che è quindi meno sicuro e affidabile.
– La storia assicurativa riportata sull’attestato di rischio riguardante non solo la classe di merito ma anche la valorizzazione della griglia sottostante che i più meritevoli (ovvero gli assicurati da più di 5 anni senza aver fatto incidenti) troveranno completa di tutti “00” .

E’ possibile superare il massimale?
Cosa succede in tal caso?

Il massimale indicato in polizza si riferisce al singolo sinistro, che potrebbe coinvolgere anche più persone in questo caso bisognerebbe dividerlo per il numero di persone coinvolte ne consegue che in caso di sinistro con gravissimi danni alle persone potrebbe essere possibile superare il massimale, pertanto è consigliabile aumentarlo anche se questo comporterà senz’altro una maggiorazione di premio.
Nel caso in cui il danno superi il massimale, la compagnia erogherà comunque l’importo massimo indicato in polizza lasciando l’eccedenza a carico del proprietario del veicolo che quindi dovrà provvedere al risarcimento con il suo patrimonio.

Che cos’è la franchigia? Come funziona il contratto bonus/malus con franchigia?

La franchigia è una quota fissa, pattuita al momento della stipula del contratto, che in caso di sinistro rimane a carico dell’assicurato.
Il contratto bonus / malus con franchigia è caratterizzata da una tariffa mista , che prevede una variazione di premio negativa o positiva al verificarsi o meno di un sinistro, come nella classica polizza bonus/malus, in più all’applicazione di una franchigia contrattuale per ciascun sinistro. In caso di sinistro la compagnia quindi, oltre ad attribuire la classe di merito più alta, chiederà all’assicurato una quota del risarcimento pagato dalla compagnia stessa ai terzi danneggiati.

E’ possibile trasferire la polizza ad un veicolo venduto ad un altro veicolo con proprietario diverso?

No. E’ possibile utilizzare la polizza del veicolo venduto solo per altro veicolo dello stesso proprietario.
E’ possibile invece utilizzare la classe di merito maturata sul veicolo venduto, entro i 5 anni dalla vendita, per un veicolo nuovo o usato di proprietà di un altra persona appartenente al nucleo familiare del proprietario del veicolo venduto.

Che cos’è il massimale ? Qual’è il massimale minimo ?

Per massimale si intende l’importo massimo che la compagnia è tenuta ad erogare in caso di sinistro.
Il valore minimo definito dalla legge corrisponde complessivamente ad € 7.290.000 cosi suddiviso € 1.220.000 per danni a cose e € 6.070.000 per danni a persone.

A seguito di furto posso recuperare il premio rc auto pagato e non goduto ? E la classe di merito?

Si. Sarà necessario presentare copia della denuncia di furto alla compagnia assicuratrice del mezzo rubato per avere il rimborso del premio pagato e non goduto, al netto delle imposte e del servizio sanitario nazionale,il contratto di assicurazione cesserà i suoi effetti a partire dal giorno successivo a quello della denuncia del furto alle autorità competenti. E’ altresì possibile mantenere la classe di merito su un altro veicolo , purché il proprietario sia lo stesso, presentando copia della denuncia di furto.

Se intendo cambiare compagnia di assicurazione quanto tempo prima devo comunicarlo?

Dal 1° gennaio 2013 non c’è più l’obbligo di comunicare alla compagnia, tramite disdetta, che non si intende rinnovare il contratto perché, da tale data, i contratti RC Auto in base alla legge si risolvono automaticamente alla loro scadenza in quanto non possono essere tacitamente rinnovati. La copertura assicurativa continua ad operare fino ad un massimo di 15 giorni successivi alla data di scadenza del contratto .Entro tale termine deve essere stipulata una nuova copertura R.C. Auto o con la stessa o con una diversa compagnia.

Nel caso di morte del proprietario del veicolo, il contratto prosegue con l’attribuzione della stessa classe di merito nei confronti degli eredi?

E’ possibile proseguire il contratto con l’attribuzione della stessa classe di merito per i familiari che al momento della morte risultavano conviventi con il defunto e che abbiano acquisito la proprietà a titolo ereditario.

Che cos’è la rivalsa? quando può essere esercitata dalla compagnia?

La rivalsa è il diritto da parte della compagnia assicuratrice, di richiedere al proprietario del veicolo responsabile di un sinistro, un risarcimento per gli importi liquidati.
Si applica nei casi in cui il conducente o il veicolo, non siano abilitati alla circolazione in base alle norme vigenti, ma anche quando ad esempio, il conducente risulta escluso dalla tipologia di guida indicata in polizza.
Le compagnie possono stabilire nel contratto un diritto di “rivalsa totale”, cioè per l’intero importo dei danni causati ,oppure prevedere una “rivalsa parziale”, limitando il recupero di quanto rimborsato ai danneggiati ad una cifra fissa (franchigia: es: 5000 €) o ad una percentuale dei danni (scoperto es: 10% del sinistro). Diventa quindi molto importante, prestare la massima attenzione alle clausole che regolano esclusioni e rivalse, che possono presentare significative differenze fra le diverse compagnie.

E’ vero che posso circolare con il certificato di assicurazione in formato digitale ?

Si. L’Istituto di vigilanza (IVASS) con Provvedimento n. 41/2015 ha stabilito la facoltà per tutte le imprese di trasmettere il certificato di assicurazione, previo espresso consenso del contraente, in formato “digitale” stampabile, in alternativa alla consegna dell’originale cartaceo. Il certificato deve comunque essere tenuto a bordo del veicolo in formato cartaceo oppure in formato “digitale”, per poter essere esibito in caso di richiesta delle Forze dell’Ordine.

Che cos’è la scatola nera auto?

La scatola nera auto è un dispositivo elettronico dotato di localizzatore gps che collegato alla batteria dell’autovettura ha la capacità di registrare una quantità innumerevole di dati: posizione, km percorsi, accelerazione e decelerazione del veicolo, urti, attivazione di sistemi di sicurezza , parametri di percorrenza e stile di guida del conducente.

Quali sono i vantaggi dell’installazione della scatola nera auto?

I vantaggi dell’installazione di un ascatola nera sono quelli di poter usufruire di un servizio di assistenza h24, con l’intervento immediato dei soccorsi in caso di necessità, in caso di sinistro sarà più facile ricostruire la dinamica e in caso di furto potrebbe essere possibile localizzare il veicolo, inoltre può essere utile per contestare multe o negare l’evento di un sinistro per il quale si è stati indicati come responsabili erroneamente in quanto il veicolo non era presente sul luogo dell’accadimento alla data e ora indicata, infine l’installazione della scatola nera è completamente a carico della compagnia e grazie ad una scontistica dedicata comporta spesso una diminuzione del premio rca.

Ho fatto un preventivo per il mio veicolo con diverse compagnie ed ho avuto come risultato premi completamente diversi tra loro pur utilizzando gli stessi dati. Come mai?

Ogni compagnia pur dovendo rispettare dei minimi e dei massimi, può decidere liberamente gli indicatori da attribuire ad ogni parametro di calcolo in base al profilo di rischio che preferisce acquisire,così può capitare che l’importo del premio assicurativo cambi da una compagnia all’altra, ma una variazione di premio può dipendere anche dalla qualità delle coperture assicurative che si sta per acquistare, per questo è opportuno confrontare, oltre ai preventivi anche le condizioni di assicurazioni, facendo particolare attenzione alle franchigie, esclusioni, limitazioni e rivalse.

L’assicurazione rca copre i danni causati da qualsiasi conducente alla guida del veicolo assicurato?

Si a meno che sul contratto non siano previste limitazioni di guida legate all’anno di conseguimento della patente o all’età del conducente come la guida esperta, oppure sia indicato come guidatore un soggetto specifico come nel caso della guida esclusiva. In questi casi la compagnia assicuratrice paga il danneggiato esercitando successivamente il diritto di rivalsa sul proprietario del veicolo.

Progetto Sicurvia 

Finanziato dalla Regione Lazio