Gli errori più comuni che un conducente fa alla guida

sicurezza stradale

Gli errori più comuni che un conducente fa alla guida

1 – Uso del cellulare mentre si guida. Tra le cose in assoluto da evitare, c’è l’utilizzo dello smartphone alla guida. Inviare messaggi, scattare foto, fare video, usare i social network. Sono tutte cose vietate che distraggono il conducente. Non a caso, l’uso del cellulare alla guida è una delle cause principali di incidenti stradali, sanzionata dal Codice della strada con una multa da 165 euro a 661 euro e, in caso di nuova violazione entro due anni dalla prima, con la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi.

2 – Velocità eccessiva e distanza di sicurezza insufficiente. I dati di Autostrade per l’Italia dicono che il 70% degli incidenti gravi avviene in tratti rettilinei, con un tasso di mortalità più elevato. Questo perché in tali condizioni si tende a pigiare sull’acceleratore sottovalutando il rischio.

In più le cose sono aggravate dal fatto che spesso quando andiamo più veloci non aumentiamo di pari passo anche la distanza di sicurezza dall’auto che ci precede.

La formula per calcolare la giusta distanza è la seguente: dividere la propria velocità per 10 ed elevare il risultato al quadrato. Troppo complicato? Allora ricordiamoci almeno che a 130 Km/h su asfalto asciutto la distanza corretta per permetterci una frenata sicura in caso di necessità è di circa 150 metri.

3 – Rallentamento all’immissione in autostrada.
Se la corsia di ingresso in autostrada si chiama “di accelerazione” un motivo ci sarà…
Serve infatti per consentirci di aumentare gradualmente la velocità e immettersi senza rischi nel flusso di marcia delle auto.
Troppo spesso invece si vedono automobilisti frenare pericolosamente prima dell’immissione ed entrare praticamente da fermi.
Dal canto loro gli automobilisti che sopraggiungono devono naturalmente lasciare libera la prima corsia in prossimità dell’ingresso per facilitare la manovra a chi si immette.

4 – Utilizzo della freccia
Gli indicatori di direzione dell’auto, le cosiddette frecce, sembrano caduti in disuso da qualche anno questa parte. Li usiamo sempre meno e spesso a sproposito, tanto che, nel 2019, l’Associazione Sostenitori Amici della Polizia Stradale – ASAPS ha lanciato una campagna per il loro corretto utilizzo.
L’impiego delle frecce non è una facoltà, ma un obbligo previsto dall’articolo 154 del Codice della Strada per segnalare con sufficiente anticipo la propria intenzione in determinati casi, ovvero: svoltare, immettersi nel flusso di circolazione, cambiare corsia, invertire la marcia, fermarsi.

Infine le 4 frecce: servono per segnalare un’emergenza e non l’avvistamento di un parcheggio, come sovente capita di vedere nelle nostre città…

5 – Svolta a sinistra errata.
Uno degli errori che più frequentemente si riscontrano nella circolazione cittadina riguarda la svolta a sinistra negli incroci senza rotatoria.
Molti automobilisti non sanno che in questi casi il centro dell’incrocio va tenuto a destra, e causano così intralcio alla circolazione.
Sbagliare una svolta in città non è certo un “peccato mortale”, ma saperlo fare correttamente significa ridurre il rischio di incorrere nella scocciatura di un incidente con colpa.

6 – mangiare e bere
Ognuno di noi, chi più chi meno, conduce una vita molto frenetica al punto da non avere nemmeno il tempo di pranzare o cenare. Quindi, molto spesso facciamo l’errore di mangiare mentre siamo alla guida dell’auto. Ti faccio un esempio per farti capire la pericolosità di questo comportamento. Tizio è un consulente finanziario, costretto a numerose trasferte di lavoro. Durante uno di questi viaggi in macchina, decide di pranzare per non fermarsi all’Autogrill. Tuttavia, mentre sta addentando il suo panino portato da casa, gli cade un po’ di senape sui pantaloni. Per un secondo, Tizio distoglie lo sguardo dalla strada e non vede la macchina che lo stava superando proprio in quel momento. Come puoi vedere, quando hai fame, basta fermarsi ad una stazione di servizio oppure aspettare fino a quando non si arriva a destinazione. Non dovresti nemmeno bere alla guida, soprattutto se parliamo di alcool.

7 – truccarsi
Questo comportamento scorretto viene messo in pratica dalle donne che, mentre sono in coda al semaforo o ferme nel traffico, hanno la cattiva abitudine di truccarsi guardandosi nello specchietto retrovisore. Ti dico però due cose: il trucco non verrà mai perfetto se fatto in questo modo e, soprattutto, non guardando la strada potresti rischiare perfino di investire qualcuno che sta attraversando sulle strisce in quel momento. Vale la pena? Direi proprio di no.

8 – mettersi le cuffie
Una delle cose più frequenti che si vedono in giro sono le persone che guidano l’auto con gli auricolari, indossati per parlare al cellulare o per ascoltare musica. In questo modo, non si hanno tutti i sensi attivati per evitare gli incidenti stradali. Eccoti un altro esempio pratico.
Caio è alla guida della sua auto e sta parlando al cellulare con la fidanzata utilizzando gli auricolari. Peccato, però, che non sente il clacson ripetuto di una macchina e finisce per schiantarsi contro un albero.

9 – cambiarsi d’abito
Strano ma vero, eppure c’è gente che mentre sta guidando l’auto è solita cambiarsi i vestiti. Pensa, ad esempio, a chi deve andare ad un appuntamento importante ed è in ritardo oppure chi semplicemente decide di sfilarsi un maglione per il troppo caldo. Peccato, però, che tale condotta distrae parecchio dalla guida.

10 – un bambino in grembo
Immagina di avere tuo figlio piccolo sul lato del passeggero che non fa altro che urlare e piangere senza smettere un secondo. Tu non riesci a concentrarti alla guida, ma ecco che ti viene un’idea: prendere il bambino e mettertelo in grembo mentre stai guidando l’auto. Te lo dico subito con molta franchezza: è un’idea stupida. Una cosa è farlo per finta, mentre la macchina è in sosta per far giocare tuo figlio, un’altra è farlo mentre si guida su strada. Basta un niente e puoi perdere il controllo del veicolo.

11 – leggere il giornale
Forse, sarà capitato anche a te di vedere persone leggere il giornale durante la guida. Magari mentre si è in coda in tangenziale oppure fermi al semaforo. Questa cattiva abitudine fa sì che l’attenzione del conducente, per quanto se ne dica, sia completamente focalizzata sulla lettura e tale fonte di distrazione potrebbe causare incidenti stradali. Quindi, se lo fai anche tu, ti consiglio di smettere subito e rinviare la lettura mentre sei piacevolmente seduto a casa. Facciamo una cosa per volta e con attenzione.

12 – prendere qualcosa
Tizio sta viaggiando in auto e, mentre sta ascoltando della musica, decide di inserire nello stereo il suo CD preferito che, però, si trova sul sedile posteriore. Per questo decide di allungare il braccio per afferrarlo, ma a causa di questa manovra perde il controllo del veicolo e finisce contro il guardrail.

leggendo l’esempio che ti ho riportato, avrai sicuramente colto l’importanza di avere sempre – e sottolineo “sempre” – gli occhi sulla strada e le mani sul volante. Puoi fare qualsiasi altra cosa, come quella di recuperare il CD finito sotto il sedile, una volta che ti sarai fermato per mangiare o per fare benzina.

13 – non aver dormito
Una delle cose più stupide che potresti fare è quella di metterti al volante quando sei troppo stanco. Magari hai fatto le ore piccole per essere andato a ballare oppure hai lavorato troppo. In entrambi i casi, il rischio è quello di avere un colpo di sonno. Cosa fare allora? Riposare per bene oppure lasciare guidare un’altra persona di fiducia.

14 – superare i limiti di velocità
Quando si guida la macchina è necessario prestare attenzione ai limiti di velocità che sono diversi a seconda della tipologia di strada che si percorre:

  • 50 km/h sulle strade urbane;
  • 90 km/h sulle strade extraurbane secondarie;
  • 110 km/h sulle strade extraurbane principali;
  • 130 km/h in autostrada.

Tali limiti, invece, sono più stringenti per i neopatentati (cioè per coloro che hanno conseguito la patente da meno di 3 anni), i quali non possono superare i 100 km/h in autostrada e i 90 km/h sulle strade extraurbane principali.

15 – fare manovre vietate
Occorre stare molto attenti a non fare sorpassi azzardati in curva oppure a non fare inversione, ad esempio, in autostrada. Sono in molti a pensare di essere i padroni delle strade e a non conoscere la segnaletica stradale. Tali comportamenti sconsiderati possono mettere in pericolo tante vite. Quindi, guida sempre con prudenza.

 

 

No Comments

Add your comment